Forni / Graziano – From bedlam to lenane

12,00

Produzione: Novantiqua, 2012
Distribuzione: Goodfellas

Disponibile

COD: ML049 Categoria: Tag:

Descrizione

Ilaria Graziano e Francesco Forni sono due artisti di grande livello. Lo hanno gi? ampiamente dimostrato attraverso i numerosi progetti che hanno attraversato teatro, cinema, e pura musica. Musicisti e compositori entrambi, dotati di un talento eccezionale, fanno parte di una scena italiana spesso lontana dale grandi luci ma che nel tempo produce cultura di alto livello, sia a livello compositivo che interpretativo.

From Bedlam to Lenane ne ? un chiaro esempio.

Il disco racconta storie, attraverso un folk blues personalissimo e di grande coinvolgimento; storie come quella di cui parla il brano di apertura, Mad Tom O?Bedlam, personaggio di un anonimo poema del XVII secolo, che nella tradizione inglese rappresenta il prototipo di folle. Guidata dalle sole voci e da un paio di chitarre acustiche, Love sails ha l?anima dei migliori duetti di Mark Lanegan e Isobel Campbell, conservando l?accento swing di cui l?album ? intriso. Terza traccia ? Cancion Mixteca, un classico della tradizione messicana mariachi con un ritornello che rimane in testa.La musicalit? che viene fuori dal testo di Lastrada ? lo strumento aggiunto, merito di un?interprete d?esperienza come Ilaria Graziano. Il tempo, che incalza sempre pi?, ricorda una specie di sirtaki greco e regala in conclusione un assolo bellissimo di Forni. Il manouche, lo stile jazzistico portato in giro da chitarristi principalmente francesi o dei paesi bassi (vedi Bireli Lagrene, Debarre,  Rosenberg), compare in un disco italiano come un miracolo. Rosaspina, racconta ?la storia di un uomo che viene da lontano?. Un blues in E minor in cui la storia, la voce, lo slide metallico in open tuning sulle corde si muovono attraverso i suoni e la timbrica di una vecchia chitarra parlor. Rosso che manca di sera ? un piccolo capolavoro che d? i brividi per la bellezza della voce e la sensibilit? dell?interpretazione. In On y va, i cori della Graziano, la tecnica di Forni alla chitarra, il goliardico assolo di kazoo e il testo, un po? in francese (come tradizione richiede) e un po? in italiano, dimostra la magia che il duo riesce a sprigionare su questo brano dal sapore antico. Il dolcissimo duetto di Crying ? un brano due voci e chitarra toccante, che arriva in profondit?. Seguono poi due cover splendide,: Be my husband di Andy Stroud (rifatta fra tanti anche da Nina Simone e Jeff Buckley), e Volver Volver di Vicente Fernandez. Il disco si chiude con Lenane?s Blues, una delle canzoni pi? belle dell?album. Un riuscitissimo tentativo di blues modale in cui Forni conclude con un breve ma stupendo assolo che ? un piacere per le orecchie.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Forni / Graziano – From bedlam to lenane”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *